Follow by Email

jueves, 24 de enero de 2013

ASSOCIAZIONE CULTURALE TRISKELION - SICILIA






-->
Associazione culturale Triskelion Via Tricotta, 13 90019 Trabia (Pa)
C.F./P.Iva 06139410820


Presentazione del progetto musicale “Triskelion”

Coltivare la 'memoria' è importante, come importante è tenere sempre desti i ricordi del nostro passato e di coloro che hanno contribuito a non smarrire la nostra identità siciliana e la nostra preziosa cultura e lingua dialettale.
Il progetto musicale Triskelion, ad opera del Gruppo Zagara, prende il nome da un antico segno che anticipa la Trinacria, simbolo scelto per rappresentare la Sicilia.
Il Gruppo Zagara è composto da artisti siciliani che intendono proporre spettacoli di musica classica con aggiunta di tanghi, valzer, colonne sonore famose, popolare siciliana, classica napoletana.
Il progetto si propone di far conoscere e valorizzare il proprio ambiente, attraverso una ricerca sempre più approfondita delle radici culturali e consentire, tramite il recupero l’idioma dialettale del sud-Italia, la riappropriazione di una memoria storica, quale retaggio di una comunità che nel dialetto ha posto le basi per una identificazione collettiva e perciò di:
- far conoscere la cultura locale e riscoprirla come cultura dei padri e base della propria;
- riscoprire il valore del dialetto come lingua;
-prendere coscienza di uno spettacolo musicale come mezzo di comunicazione e momento di aggregazione sociale;
-incrementare le conoscenze sulla storia e il folclore della propria terra per capire gli atteggiamenti, la mentalità e le espressioni linguistiche della sua gente.


All'interno del progetto sono contenute alcune proposte di spettacolo:

  1. Concerto/Spettacolo di musica popolare siciliana, caratterizzato dall'unione di brevi racconti storici e cunti di famiglia con le più conosciute canzoni di Sicilia (vedi file allegato).

  1. Spettacolo musicale natalizio, caratterizzato all'esecuzione di cunti, poesie, nenie e canti di Natale tradizionali della Sicilia, intrecciati in un
  2. racconto che rievoca la nascita di Gesù in terra sicula http://www.trabiaonline.it/?page_id=532

  1. Spettacolo musicale pasquale dove viene descritta la passione e resurrezione di Cristo con cunti, poesie, nenie e canti di Pasqua tradizionali della Sicilia.

  1. Concerto di musica classica integrale oppure alternato a tanghi famosi e brani di colonne sonore.

  1. Spettacolo musicale e teatrale sull’attore e cantautore Franco Franchi.

  1. Spettacolo ideato dall’attore Rosario Terranova sul cantautore di musica popolare siciliana “Giovanni Alamia” dove il gruppo prende il nome de “I Malacarne” dal titolo di una canzone del suddetto artista http://www.youtube.com/watch?v=Vq--DgR3MzM


  1. E’ in fase di elaborazione uno spettacolo sul principe Raimondo Lanza di Trabia.



Le canzoni scelte per gli eventi musicali sono pregne di elementi che accomunano tutti i siciliani…chi non ricorda le serenate sotto al balcone della
zzita”: “nicuzza duci, nicuzza bedda, dunami dunami na vasatedda”…o le canzoni più conosciute come “Ciuri ciuri”, “Chiovu, abballati”, “Vitti na crozza” e poi ancora ricordare la nostra Rosa Balistreri in canti quali: “Cu ti lu dissi” o “Lu cunigghiu”, o ancora, emulare il raglio di “Lu sciccareddu” con gli strumenti musicali, etc…etc… tutto incorniciato da nuovi arrangiamenti musicali che comunque mantengono il gusto classico delle stesse canzoni.
Inoltre l’uso della lingua dialettale, compresa da tutti i siciliani, opera un’azione di ‘conservazione’ e, allo stesso tempo, di diffusione di uno strumento di comunicazione, insito nel nostro essere siciliani, che è ancora attuale, ma che rischia di perdere la sua forza comunicativa se non coltivata e praticata e, a tal proposito, Ignazio Buttitta, poeta siciliano affermava: un popolo diventa povero e servo quando gli rubano la lingua avuta in dote dai padri… e me ne accorgo ora, mentre accordo la chitarra del dialetto che perde una corda al giorno”.

Ogni spettacolo dura all’incirca 90/120 minuti e gli artisti sono tutti professionisti dello spettacolo, tutti insegnanti e professori d’orchestra.

Contatti:


  1. Salvo Capizzi: 0039 320 8233348, tel.: 0039 0918147545
  2. Antonio Alfano: 0039 3288949085, Tel./Fax: 0039 0916736673
  3. Rossella Di Gregorio: 0039 339 5815704







                                                       

Per ascoltare cliccare e scaricare qui: 






sábado, 12 de enero de 2013

ANNA MARIA FRANCHINA - CAPO d'ORLANDO - SICILIA




                                              

Mi chiamo Anna Maria Franchina, sono nata a S.Salvatore di Fitalia
(Messina) il 29/06/1959  vivo a Capo d'Orlando (ME)
ho preso parecchie qualifiche professionali: Segretaria steno
dattilografa, contabile meccanizzata, assistente amministrativo,
operatrice di segreteria, diploma di qualifica di cuoca.
La mia materia preferita fin da piccola era l'italiano, avevo una
preferenza per la libera lettura, mi ha sempre appassionato la poesia
ma non l'avevo mai coltivata, mi piace anche recitare in teatro, ho
recitato in qualche commedia divertente, mi piace far ridire la
gente.In questo periodo della mia vita ho riscoperto la poesia, anche
perchè ho più tempo in questo momento non lavoro.
Per me il lavoro è importante non solo per i soldi ma anche perchè
stai a contatto con la gente e a me piace parlare, condividere,
discutere con le persone.
Che dire di me, in questo momento le mie poesie mi rispecchiano molto,
metto sulla carta il mio stato d'animo, il mio essere sola anche in
mezzo alla gente, vorrei trasmettere sia le cose positive che quelle
negative che normalmente vivo tutti i giorni della mia vita.Sono molto
pessimista, la vita mi ha portato ad esserlo, però mi piace ridire,
scherzare, cantare e ballare, forse un giorno farò tutto questo  e
diventerò una persona ottimista.


 IL SOGNO


Stanotte ho sognato che ero in vacanza
mentre in realtà ero sul letto nella mia stanza.
Correvo a piedi nudi su di una spiaggia
all'improvviso vidi un uomo dall'aria malvagia,
in lontananza vidi sbuffare un grande capidoglio
mentre le onde del mare si infrangevano sullo scoglio.
Quell'uomo mi rincorreva, avevo il fiato in gola
io scappavo con grande foga, mi son sentita sola,
d'un tratto ecco apparire una donna
con una bianca maglia ed una lunga gonna,
mi disse non aver paura io sono la Madonna.
Io la guardai, della sua bellezza rimasi incantata,
fra me e me pensai sono stata fortunata,
mi son svegliata tutta spaventata.
Mi sono resa conto che era solo un sogno
ma alcune volte di questo si ha bisogno.

 VOLA COLOMBA


Vola colomba bianca vola,
vola su nel cielo sola,
il vento sussurrando ti accompagna,
piano piano scompari dietro la montagna.
Vola creatura candida e pura,
sei una bellezza della natura,
porti tra il becco un ramoscello
segno di pace e amore fraterno.

 IL FUTURO


Spero in un futuro diverso
ma non lo vedo tanto connesso
l'Italia sta andando sempre più a fondo
vorrei che si aprisse uno spiraglio in questo mondo.
I nostri politici non guardano i nostri interessi,
pensano per lo più di essere belli sui manifesti
destra, centro, sinistra sono tutti una monnezza,
nei nostri confronti non hanno un minimo di correttezza.
Ci vogliono prendere in giro con un bel comizio
intanto loro si beccano un ricchissimo vitalizio,
arraffano i denari con tutte le dita,
così si sono sistemati per tutta la vita.
A noi ci resta soltanto una cosa da fare
pensare bene bene per chi andare a votare,
e poi cambiare cambiare cambiare
così forse il nostro futuro potrà migliorare.

IL DIO DENARO

Il dio denaro che brutta parola
vorrei gridarlo a squarciagola
oggi le persone, quasi tutti quanti
mettono il denaro al primo posto davanti.
Per soldi si commette qualsiasi reato
si uccide, si ruba, si finisce davanti al magistrato,
tanto sei sicuro che dopo un pò vieni scarcerato.
Non c'è più rispetto per tutti quelli che hanno difficoltà,
... non c'è amore per tutta quanta l'umanità,
spero in cuor mio che qualcosa cambierà
vorrei ricordare ai nostri politici una parola LEGALITA',
lottiamo insieme senza denaro per la nostra libertà.
DA PICCOLA SOGNAVO

Da piccola sognavo di fare la pittrice
poi crescendo dico no farò l'attrice,
oggi mi ritrovo in mano la friggitrice,
capperi però che cambiamento
era meglio entrare in un convento
penso come il mio ego non sarà contento
sogni sogni sogni resteranno sempre tali e quali
e mi risveglio da tante realtà brutali.
Cerco di essere realista
dico non diventerò mai un artista.
... Nella vita volevo essere qualcuno
ma mi accorgo che non sono nessuno,
dico a tutti quelli che mi giudicano male
vivo ogni giorno in maniera normale
tutto quello che faccio è sempre abituale.
Sono quel che sono con i miei difetti
vorrei stringere a me tutti gli affetti.

E' NATALI

E' Natali e pi cammora
cu sta intra e cu sta fora
cu vulissi du cannola
e un pò di paci ancora
c'è cu tira a carretta
e cerca di farlo in tutta fretta
c'è cu non avi nenti da fari
e non poti manco manciari,
c'è cu dici
chi non è felici.
... ... pir tutti venunu i vacanzi di Natali
e poi aspittamu chiddi pasquali.
A me poisia finisci ca
buon natali a tutti quan

DEDICATA A TUTTI I RAGAZZI TIMIDI

Voglio dedicare questa mia poesia
non a dei personaggi di fantasia
ma a dei ragazzi davvero speciali
 che non si sentono agli altri uguali.
Oggi la timidezza, la sensibilità
viene vista come un simbolo di stupidità.
Una volta mi è stato detto vale la legge del più forte,
il più debole, il più chiuso viene messo sempre alle porte
 voglio dire alle ragazze e ai ragazzi non guardate all'apparenza
si può dare e avere tanto senza una convenienza.
Aiutate questi ragazzi a non chiudersi in se stessi
perchè ve lo dico io non sono come dite voi dei fessi.
non derideteli, non feriteli con parole offensive
fateveli amici, cercateli, uscite con loro, siate comprensive,
non sentitevi superiori, abbassate un pò la testa,
se parlate un pò con loro vi faranno una gran festa.
Il mio più grande desiderio all'inizio di quest'anno
è di dare e ricevere amore senza avere fatto danno,
dico a tutti voi la vita è tanto bella
godiamocela tutti i giorni sotto questa stella.

Dedicata al mio papà

Ricordo sempre con tanto affetto
quando da bambina tu passavi vicino al mio letto
e mi stringevi forte forte al petto,
mi sussurravi vicino all'orecchio
bambina mia guardati allo specchio.
Tu sei la regina del mio cuore,
ti voglio tanto bene tu sei il mio amore.
Poi sono diventata una donna
 e all'improvviso è apparsa la Madonna
e ti ha portato con se in cielo
in testa aveva il suo lunghissimo velo.
Venti anni son passati e tu mi manchi
vorrei abbracciarti ancora ma è troppo tardi.
La mia vita senza te è nera nera
soprattutto quando ormai scende la sera,
il mio papà era con tutti generoso
amichevole, socievole e scherzoso.
Ci rivedremo presto papà mio
questa è la speranza che mi ha dato Dio

BUON ANNO E
FELICE EPIFANIA


a tutti quelli che si trovano per la via:
Tanti auguri ai carcerati, ai musicisti,
agli artisti,ai baristi, ai garagisti,
ai pallavolisti, ai camionisti,
ai tassisti, ai turisti, ai casinisti
agli ambientalisti, ai menefreghisti
... agli arrivisti e ai materialisti
... ai motociclisti che gareggiano con la duicati
mi riservo solo per i maleducati.
Scusate se ho dimenticato qualcuno
gli auguri ve li faccio io che sono nessuno.
La vita scorre sempre uguale
sotto questo punto cardinale
anche se è passato il giorno di Natale
carchiamo di non pensare solo al bene materiale

I RICORDI DI NA VOTA

Mi susivi prestu prestu stamatina
e mi ni ivi a passu sveltu ta cucina
vuleva preparari na ricetta chi mi vinni in menti
inveci mi sittavi ta cucina senza fari nenti,
mi mittivi a pinzari a pinzari cu tanta lena
e mi vinni davanti all'occhi tutta a vita passata ta na scena.
Me patri me matri io i me frati e tutta a me famiglia,
sittati attorno o tavulu che parlavunu e dispensavunu cunsiglia,
me nonna chi pedi supra a conca cu braceri addumatu,
me nonnu iucava a carti supra a valigedda cu bordu cunsumatu,
me mamma ta cucina chi friieva i scorci di cannola e a pignulata
me patri chi si ni stava iennu fori pi si fari na iucata
i mi frati intanti si scicutavunu e si facevunu na bedda sciarriata
e io che era più carusa aveva na vita ancora spinsirata.
Beddi i ricordi da me vita passata
ma ora vai avanti pa me strata

 SONO SICILIANA

Sono una donna del Sud, siciliana
     non sono da meno di una maremmana,
sono stata al Nord mi hanno detto tu sei mafiosa,
allora mi son messa a ridere a iosa.
Sono sempre io Anna Maria Franchina
anche se sto sola seduta su di una panchina,
cerco di seguire i consigli di Giacomina
ed anche della mia nuova amica Oronzina.
La zia Anna dice vai avanti tu sei forte
cerco di esserlo e non pensare alla mia sorte,
mi guardo allo specchio e mi vedo grassottella
ma nonostante tutto dico la vita è bella.

IL SENSO DELLA VITA

Guardo le montagne, il sole, il mare rapita
quante cose belle ci sono nella vita!
Cerco di svolgere il mio misero lavoro con concentrazione
ma non ricevo da nessuno un minimo di soddisfazione,
Volevo viaggiare, conoscere altre usanze, altre culture,
altri Paesi, altri costumi, magari persone mature,
volevo fare qualcosa per l'umanità
invece guardo alla tele sua Santità,
oggi mi ritrovo in mano un pugno di sabbia,
vorrei gridare al mondo la mia rabbia.
Cerco di dare un senso a questa vita,
intanto dico una preghiera a Santa Rita.
Vorrei ancora credere nei valori, nei sentimenti
col senno del poi ho tanti pentimenti,
mi accorgo che sto morendo dentro lentamente
intanto gli anni passano molto velocemente.

 DEDICATA A TUTTE LE DONNE

Vorrei un mondo pieno d'amore
anche se vedo tutti i gioni orrore
Vorrei che tutti gli uomini ti trattino da donna
anche se metti una bella minigonna.
Vorrei che non fosse maltrattata,
schiaffeggiata, castigata,
violentata, a volte torturata
e infine anche ammazzata.
... ... Vorrei che non fossero solo parole
per favore non lasciateci sole.
Dico a tutti gli uomini di non perdere la testa
così che il 2013 sia per tutti una gran festa.

 LA SOFFERENZA

La sofferenza nell'anima a volte è sottovalutata
dentro hai un vuoto ti senti un pò cambiata
sopratutto quando non sei realizzata
in questo mondo di falsità sei deufradata.
La ferita che hai nell'anima non si può rimarginare
neanche se per sentirti più allegra ti metti a cantare
è assai profonda, pericolosa e inguaribile
ci ridi su e per dimenticare mangi qualcosa di commestibile.
Il dolore non viene capito, ti senti martoriato,
ti tocchi il cuore, senti che non è guarito e lo vedi insanguinato


IL PERCORSO DELLA VITA


Voglio dedicare questa poesia
pensando al percorso della vita mia.
Certe volte dalla gente mi faccio fregare
anche se cerco sempre di evitare
e non riesco più neanche a pregare.
Voglio recitare un Ave Maria
ma non ricordo neanche la litania
Vorrei avere tanti affetti
ma molti mi trovano con molti difetti,
mi piace ballare e recitare
 ma non trovo nessuno che lo vuole fare.
La mattina quando scendo dal letto
penso sempre stasera troverò un lavoretto,
ma è solo un'illusione ottica e drastica
non si trova niente neanche a reciclare la plastica.
Non sono una poetessa
anzi sono una gran fessa,
sono tanto pessimista
ed anche un pò anticonformista,
la mia vita sarà sempre una frana
anche se spero che qualcuno mi ama.
Questa poesia la voglio dedicare anche se non sono Montale
a chi come me non ha vita sociale.


PERDONAMI

Perdona i miei occhi
per aver ammirato
la tua bellezza,
rubato il mio cuore
nel momento
che ho guardato
il tuo viso.
Il tuo carisma,
... ... il tuo profilo,
la tua bellezza,
AMO
quello che ho visto.

L'IPOCRISIA

Vorrei avere tante coccole
ricevo invece solo frottole,
oggi è stato il giorno dell'ipocrisia
cerco di mettere un pò di fantasia
ma non c'è un poco di galanteria
non si vive più in armonia.
A volte basta una semplice carezza
mentre intorno trovo molta freddezza
non c'è un minimo di concretezza
perchè qualcuno si sente sua altezza

IO TI AMERO' PER SEMPRE

 Nonostante tu sia lontano,
io ti amerò per sempre.
Nonostante a lungo rimango lontano
io ti amerò per sempre.
Qualunque siano le parole che dico
io ti amerò per sempre.
Anche se ci vuole l'eternità,
io ti amerò per sempre.
La distanza tra due cuori non è un ostacolo,
ma può essere un grande richiamo
di quanto sia forte il vero amore.

IL DESTINO

Il tuo destino è già preparato
tu devi essere solo rassegnato,
c'è un disegno divino per ogni essere umano,
c'è l'hai stampato sulla linea della tua mano,
va come deve andare,
non lo puoi anticipare
e neanche posticipare.
Forse qualcosa può cambiare,
puoi solo poco alla volta conquistare
la fiducia in te stesso,
questo nel tuo destino è ammesso.

TI AMO

Mio carissimo amore
oggi ho pensato
ogni tuo respiro,
ogni attimo,
ogni momento
passato insieme a te
Voglio che tu sappia
che io ti AMO,
tu sarai sempre nel mio cuore,
Ti amo con tutta l'anima
e niente potrà mai cambiare questo.
Non c'è niente in questo mondo che non farei per te.
Amore sempre e per sempre.

 UNO SPECIALE RINGRAZIAMENTO

Voglio ringraziare le mie colleghe di Siena
scrivendo loro una poesia subito dopo cena.
Mi hanno accolto con tutto il dovuto rispetto
quando mi sono presentata al loro cospetto.
Ringrazio                                  Benedetta,
scusa se sono scappata troppo in fretta,
poi continuo con                          Patrizia
somiglia alla mia amica Letizia,
                                                 Riccardo
 l'ho soprannominato cuor di leopardo
                                                 Rosanna
 sei più dolce della panna,
                                                 Carmela
al mio ritorno ci facciamo un giro in barca a vela

                                                  Carla
 lavora al centralino quindi parla parla parla
                                                  Savino
dal viso  sembra   birichino,

                                                  Antonella
che io trovo molto snella.
                               Grazie a tutti quanti
per stringervi la mano mi son tolta i guanti
Mi dispiace ho avuto qualche intoppo,
certo ho preso un bel colpo,
Oggi fra me e me ho pensato l'Italia è tutta bella,
NORD CENTRO SUD
non ci sono polentoni, maremmani, terroni,
siamo tutti uguali, basta essere normali.

 Viviamo in una società
dove c'è troppa povertà,
dove si fa di tutto per apparire
quando apri bocca ti devono contraddire.
Oggi i veri valori non esistono
alcune persone colpiscono e feriscono,
la famiglia, l'amore, gli affetti
sono andati a finire sotto i tacchetti.
Mi ricordo quando giocavo con la mia unica bambolina
o quando compravo in edicola una bella cartolina,
... ero felice e spensierata
anche se sono stata sempre calibrata,
certe battute mi ferivano al cuore
ma li accettavo sempre con amore.
Vorrei tornare indietro alla mia fanciullezza
perchè oggi mi accorgo che c'è un infinita grettezza,
ti accorgi che piano piano tutto svanisce
la tua personalità è l'unica che patisce.

NELLA VITA A VOLTE TI TRASTULLI

 Nella vita a volte ti trastulli
non lo dò a vedere a questi bulli.
penso mi succederà qualcosa di terribile
perchè non bisogna essere troppo sensibile.
Dietro la finestra guardo la luna
faccio un sobbalzo e dico che fortuna,
il cielo, le stelle del firmamento
mi danno un senso di stordimento.
Passano così minuti, ore, giorni, anni
cucini, pulisci, spolveri, raccogli i panni
voglio dare un senso a questa vita
dico fra me e me un pò stordita

DEDICATA A RITA

Rita, sei una persona dolce e squisita
sei diventata da poco mia amica
ma è come se ti conoscessi da una vita.
Siete una bella famiglia,
tu, la tua metà, tuo figlio e tua figlia,
sei una ragazza con dei valori,
mi dispiace se alcune volte ricevi solo dolori.
Rimani così come sei bella dentro e fuori,
non ascoltare le dicerie degli altri sono solo fastidiosi rumori,
custodisci tutti i tuoi affetti sinceri
quelli di domani di oggi e di ieri.
Percorri la tua strada sempre in salita
ti troverai bene tutta la vita.

 IN UN ATTIMO

In un attimo svanisce tutta la tua vita,
in un attimo ti rendi conto che sei svampita,
in un attimo sei bella che partita.
Basta un attimo svaniscono i ricordi, gli amori, gli affetti,
dici a te stessa che non devi mai fare progetti,
dico alla mia amica sto partendo ho già comprato i biglietti.
In un attimo non ti accorgi che la tua vita è già finita.

 LA VITA

La vita è un dono prezioso
non sprechiamola per cose futili,
vivi ogni giorno con amore,
trascorri ogni momento, ogni attimo,
cercando di non pensare ai problemi
che ti affliggono.
Ama il tuo prossimo.
goditi ogni istante del giorno,
pensando che la vita è bella,
vivi e lascia vivere.

DEDICATA ALLO ZIO

Sugnu na carusa du Sarvaturi,
ora chianu o paisi pa festa du Signuri
sugnu orgugliusa di essere sarvaturana
di piciridda mi piaceva a frutta marturana.
iaveva na cuntintizza quannu me mamma mi diceva iemu a Patti
a truvari u ziu Vicinzinu e cusì ni facemu puru na iucata a carti,
chi gioia immensa iaveva quando arrivava a so casa in via Agliastri,
almenu pi un iorno mi scurdava i mi pinseri nefasti,
macari certi voti mi senteva un pò depressa
ma iddu mi trattava comu na principessa.
cu ziu, ca zia, chi me cuscini iaveva e iau nautra famigghia,
me ziu ieni troppu bonu, pir chistu un pocu mi rassumigghia.
Me mamma quando ieumu ci cugglieva i qualeddi
e ci purtava a pignulata e i cannoli pi so niputeddi,
poi io, u ziu, a zia e me patri ni faceumu du brisculi
ma si me patri iucava a coppia ca zia pi nuatri c'erunu mali frisculi,
stari un iorno asseme pi me era na gran cosa
mi ni turnava a casa frisca e profumata comu na rosa.
Ora quannu u taliu provu na tenerezza infinita
speru to me cori chi si manteni accussì tutta a so vita.

 MIO CARISSIMO AMORE

Il tuo dolce profumo
mi inebria la mente
mi fa assaporare
l'odore della tua pelle.
La mia bocca sottile
si schiude per sentire
i tuoi baci appassionati.
Pensando a te
cammino sulle nuvole,
il tuo viso emana
una luce immensa.
Tu sei il mio cuore
la mia anima
il mio mondo.

 LIDI PROIBITI

Prati fioriti
pantaloni sbiaditi
stesi al vento
asciugati in un momento
con questo brutto tempo.
Guardo l'orizzonte
lontano vedo un ponte,
passa il treno veloce,
mi cambia un pò la voce,
scoppio in un pianto dirotto,
è partito tutto è risolto,
domani è un altro giorno
forse senza un ritorno.

 HO VISTO TANTE PERSONE SOFFRIRE

Ho visto tante persone soffrire
vorrei insieme a loro invece gioire
purtroppo ogni tanto li vedo morire.
Perchè tante sofferenze, tante umiliazioni, tante ingiustizie,
tante cattiverie, tante malvagità, tante sporcizie.
vorrei una bacchetta magica, bim bum bam
tutto questo un giorno sparirà.
Vedo un mondo pieno d'amore
per me, per tutti voi una speranza che viene dal cuore

 LA CROCIERA

In una notte gelida e freddosa
sono partita in cerca di una vita avventurosa
ma quando ero sulla nave è arrivata una tempesta furiosa
stavo cenando in una sala lussuosa e sontuosa
l'orchestra suonava una musica festosa e melodiosa,
io stavo ballando tutta gioiosa e baldanzosa
all'improvviso un onda corposa e tortuosa
in un secondo spazzò via la mia vita gioiosa e briosa
così in un attimo svanisce il sogno di una vita faticosa e misteriosa.

 LA SINCERITA'

Tu pensi che tutte le persone
siano sincere e limpide come te,
invece ti accorgi che quello
che ti sta di fronte
di limpido non ha niente.
ti dice quattro belle parole,
ti fa due complimenti.
Nella vita ci sono tanti attori
non ti avvedi che recitano
veramente bene la loro parte.
Tu ti senti lusingata
e prendi la tua ennesima fregatura
Non ti fidare di nessuno,
la sincerità in questo mondo non esiste,
imparerai sulla tua pelle
che molti valori che ti sono stati inculcati
fin da piccola dai tuoi genitori
non esistono più.

 FRANCESCO

Vita mia,
ti ho portato in grembo per nove mesi,
sei nato, la mia vita,
tu sei la mia vita,
tu sei la mia ragione di vita,
a parole non si può esprimere
il bene che si vuole al proprio figlio.
Io non ho altro che te, tu me.
Perdonami se qualche volta alzo il tono della voce
Scusami se qualche volta sbaglio, ti rimprovero
o non ti dimostro il mio affetto.
Ti voglio un bene dell'anima
vita mia.

UN PUNTINO

Oggi ho fatto una riflessione,
sono un puntino in mezzo a tanti,
buttato in un pezzettino di terra.
posso fare io qualcosa per questo mondo
lercio e squallido,
io piccola in mezzo a miliardi di persone.
Forse si
Il nostro pianeta è allo sfacelo,
uomini senza scrupoli per soldi
costruiscono dove non si può.
La natura è contaminata, i fiumi, i mari,
ricevono tutto il lerciume che scaricano dalle fabbriche.
Difendiamo il nostro pianeta.
Noi tutti quanti insieme nel nostro piccolo
facciamo qualcosa per mantenerlo pulito,
per noi, per i nostri figli,
per tutti quelli che verranno dopo di noi.

 MAMMA

Mamma, la prima parola che pronunci
appena inizi a parlare.
Mamma in punto di morte
con un fil di voce
mi hai detto: grazie.
Grazie lo dico io a te mamma,
per avermi messo al mondo,
per aver cresciuto mio figlio,
per avermi inculcato dei valori.
Grazie per la persona che eri
sempre disponibile con tutti.
Donna di sani principi,
pronta per aiutare chi era in difficoltà,
pronta per visitare gli ammalati,
pronta a donarti a Dio.
Grazie mamma Teresa.

E' PASQUA

Si sentono da lontano i rintocchi della campana,
pasqua è arrivata per la bambina asiatica, africana, per la romana
E' arrivata anche la primavera, l'usignolo canta,
tutti i bambini, tenendosi per mano, festeggiano la Pasqua santa,
mangiamo tutti insieme la cioccolata e l'arancia
ma poco non tanta se no poi ci viene un gran mal di pancia.
AUGURI AUGURI AUGURI
a tutti i bambini, quelli vicini e quelli lontani,
buona Pasqua a tutti quanti.

VIVERE
Ti accorgi ogni giorno che è difficile farsi capire
preferiresti non dover più soffrire, vorresti con tutta la forza gioire, ti senti ancora giovane per lasciarti andare,
ti piacerebbe ancora poter ballare,
potresti ancora cantare, amare, abbracciare,
ti senti ancora in grado di viaggiare,
sei pronta per vivere, vivere, vivere.


IL MIO BAMBINO

Dio ti benedica e ti protegga,
possa la sua luce essere sempre con te,
possa proteggerti dal male,
possa donarti la sua pace,
possa guidarti nel suo cammino,
porta con te la gioia di ogni nuovo giorno.

 MI MANCATE
Non so perchè in questo periodo della mia vita mi mancano le persone a me care.
Forse perchè viaggio per motivi di lavoro ed ho tanto tempo per pensare durante il tragitto verso casa. Mi manchi tanto papà, mi mancano le tue battute spiritose, i tuoi abbracci, il tuo carisma. Mi manchi mamma, mi mancano le tue parole, i tuoi incoraggiamenti ad andare avanti anche se le cose non andavano per il verso giusto. Mi manchi zio Nino, mi manca il tuo umorismo, il tuo affetto, le tue telefonate, il tuo  chiamarmi Annuzza. Mi mancano i nonni, nonna Angela sempre pronta a difendermi, nonno Nino, mi portava sempre i dolcini che vinceva giocando a carte, nonna Grazia sempre affettuosa. Mi manca la maestra delle elementari Sarina, il mio compagno di scuola Salvatore, sempre molto gentile. La mia mitica compagna di banco Adalgisa sempre insieme dalle elementari fino alle medie. Mi manca Concetta, conosciuta solo due mesi, pochi ma intensi, come ricordo ho un paio di scarpe da notte fatte da lei ai ferri, li conservo come un oggetto prezioso. Mi mancate tutti quanti, spero di rivedervi in un mondo migliore.

 LA VITA E' UN MISTERO
La vita è un mistero
non sai mai cosa ti riserva il futuro, oggi ci sei, domani non lo sai, vivi alla giornata, anzi vegeti, ti ritrovi alla soglia dei cinquant'anni e ti poni una domanda cosa ho concluso io nella mia vita? Fai sacrifici, dedichi tutte le tue energie assecondando chi ti sta vicino,
certe volte ti senti inutile, arrivi ad un bivio,
entri in un labirinto non sai come uscirne.
Poi ti fai forza e dici devo vivere serenamente,
devo riaccendere il desiderio di condividere e donare..
Non devo essere triste, devo sorridere,
non devo contare gli anni che passano, devo sorridere,
non devo avere rimpianti, devo sorridere.
Quello che facciamo di buono nella vita
è solo una goccia nel mare,
ma senza quella goccia il mare sarebbe più piccolo.
Devo augurarmi solo pace, armonia e salute
per tutta la vita.





LA DISPERAZIONE

La disperazione ti fa commettere degli atti inconsulti,
ti fa fare delle azioni che nella vita non ti sogneresti mai di fare.
Ma non sparare,
non sparare alle persone innocenti,
non sparare,
protesta pacificamente,
non sparare su chi non c'entra niente,
non sparare,
con la violenza non si ottiene niente.
ODIA, DISPREZZA, CONTESTA,
MA NON SPARARE.
Lo so che in questo periodo va tutto male,
perdi il lavoro, magari perdi le persone a te care,
dopo tanti sacrifici, sei distrutto, non hai voglia di andare avanti,
vuoi farla finita con questa vita da schifo,
MA NON SPARARE,
pensa che qualcuno ti ama,
magari non su questa terra,
ma qualcuno ti ama e non ti abbandonerà mai.
Protesta, disprezza, odia se vuoi,
MA NON SPARARE.


 PI L'AMICI E LI PARENTI

Stamatina mi susivi cu na cunvinzioni
chi alcuni amici e alcuni parenti sunnu na sofisticazioni.
U salutu ciu rivolgiu a tutti, ma cercu sulu a cu mi cerca,
telefunu a cu mi telefuna, stu discurso non fa na pecca.
L'anticu diceva e non si sbagliava, cu rispettu e strittu e misuratu
cu cerca veni cercatu.
Certi amici e certi parenti prima i circava sempri io,
ora canciavi registru cercu a cu mi cerca, telefunu a cu mi telefuna,
pirchì capivi chi a certaduni non ci interessa nenti di te
(megghiu tardi che mai).
A telefonata ci costa cara,
veniri a to casa si spardunu i scarpi.
Perciò mi tegnu i picca amici sinceri chi iaiu
e i pochi parenti affizzionati chi tegnu,
chi ti vonnu beni veramenti,
chi ti accettunu comu si e non criticanu chinnu chi fa.
Ogni riferimentu a persone o fatti
è puramente casuali, scusati u sfogu,
ora mi sentu megghiu.
 

VIVI LA VITA

La vita è vita, è un dono di Dio,
cerca di ricordartelo sempre.
Quello che semini raccogli,
se fai del bene avrai amore
se fai del male riceverai odio.
Non essere triste, fai un sorriso,
stai allegra, sii sempre ottimista,
scaccia i cattivi pensieri.
La situazione economica
oggi non è buona
ma tu tieni duro
e vai avanti con le tue poche risorse,
vedrai che prima o poi le cose cambieranno,
capirai che è valsa la pena vivere la vita,
ogni giorno con umiltà, con i pochi mezzi di cui disponi.
Avrai vissuto, non vegetato,
avrai amato, non odiato,
avrai guadagnato, non sperperato,
avrai capito cos'è vivere LA VITA.

 PER LA SEGRETERIA E I DIPENDENTI DEL SARROCCHI

La Dirigente Pierguidi
è stata la prima persona che vidi,

Voglio salutare le mie colleghe d'avventura
dicendo qual'è la loro vera natura,
visto che sono bella formosa,
quando diventerò famosa,
mi premierete con una bella rosa.
Voglio dire alla Bilotta,
aggiusta la tua bilancia rotta,
non fare troppi dolci con la ricotta.
Poi dico al Carletti
non fare troppi pacchetti,
continuo con la Castagnini,
sei una bella persona, ti piacciono i cani bassottini,
Pruneti,
ti piacciono le piante, comprati degli abeti,
Pitti,
hai sempre i capelli belli dritti,
alla Biagiotti,
non preparare sempre biscotti,
Grande,
voglio mostrarti come si lavora alle filande,
Coppi,
ti faccio gli auguri, anzi doppi,
D'Agostino,
ha un gusto fino,
Tommasi Baldi,
veste sempre di rosso come Garibaldi,
Giardini gli piace tanto il canto degli uccellini,
Pasquadibisceglie
non vuole sentire suonare le sveglie.
Un saluto a tutte le docenti e i docenti,
mi sembran tutti miei conoscenti,
rivolgo un saluto alle collaboratrici,
potete fare tutte le attrici,
continuo con i collaboratori,
a volte sembra che abbiate bisogno dei tutori,
a tutti i tecnici assistenti,
con i computer son sempre presenti ed attenti.
Ora vi lascio con un bel saluto,
mi ha fatto piacere avervi conosciuto.




DEDICATA A UNA STUPENDA FAMIGLIA

Nel corso della mia vita ho conosciuto molte persone,
alcune belle, alcune brutte, altre musone,
in questi giorni sono stata ospite di una bellissima famiglia,
molto uniti tra di loro, di questi tempi fa meraviglia.
I vostri genitori da perfetti calabresi
vi hanno fatto diventare dei veri senesi.
ROSSELLA:
sei una ragazza semplice, snella e molto bella,
RINO:
sei un ragazzo abbastanza carino.
TERESA:
sei una madre e una nonna adorabile,
stare lontano dai tuoi per te è impensabile.
ANNA:
averti conosciuto uno ci guadagna
GIANLUCA:
hai l'aspetto di un gentiluomo, sembri un duca
PASQUALE:
per te la vita trascorre sempre uguale
ANTONIETTA:
a sparecchiare fai molto in fretta
PINO:
hai l'occhio fino
ROSARINA:
sei una ragazza dolce e carina.
I vostri figli sono speciali, a modo, educati,
li avete concepito con tanto amore, ben pensati.
E' un onore peer me che sono siciliana
avervi conosciuto ed abitato nella vostra tana.



 MELANIA, DOLCE MELANIA

Sei una ragazza o Melania
che non mette mai zizzania,
sei una calabrese verace
ti dai da fare, metti sempre pace.
Hai una grande personalità
l'hai acquisita con l'età,
ringrazio Dio di averti conosciuta
a tanti altri sei molto piaciuta.
La tua vita è un pò ingarbugliata,
a quella passata dai una bella spazzata,
a fare l'insegnante sei molto tagliata,
stai tutte le settimane a viaggiare,
quando ti fermi pensi solo a mangiare,
ora ti lascio con molto affetto
stare un giorno con te è stato perfetto




 PER LUIGI

Tu abiti o Luigi
vicino al Tamigi
stai sempre in giro con i capelli al vento,
vendi prodotti ai parrucchieri anche nottetempo.
Sei un ragazzo molto capace
sei un tipo che piace,
di questi tempi non è cosa da poco,
non darti troppe arie, però, se no prendi fuoco.


 PER ALESSANDRO

Alessandro, ogni giorno nel tuo bar fai il tuo bel guadagno,
sei fiero e forte come il grande Alessandro Magno.
Prepari panini, caffè, cocktail di tutti i frutti,
sei sempre felice e allegro con tutti.
I tuoi figli ti accolgono a casa con i loro balocchi
aspettando che tu finisca il tuo lavoro al sarrocchi.
Sei un tipo simpatico e molto attraente,
aspetti la preda con pazienza e tenacia come il serpente.
Puoi fare l'attore, te lo consiglio, vai a fare un provino,
mi raccomando non con i capelli al vento, fatti il codino,
adesso ti lascio con un bel saluto,
mi ha fatto piacere averti conosciuto.


 PER ANDREA

Andrea, sei il braccio destro del tuo compagno,
non portare sempre quei pantaloni di fustagno,
datti na svegliata sii un pochino più birbante,
ogni tanto hai il tatto di un elefante.
Nella vita cerca di essere realista, non mi diventare come un buddista,
fai meno il casinista,
fai i fatti, chiacchera un pò meno,
servi tutti i tuoi clienti compreso il rumeno.
Ti voglio dire con tutto il cuore,
mostra a chi ti vuole bene l'immenso tuo amore.

 PAESE MIO 

Paese che hai dato a me i natali,
stai sempre in cima a quella collinetta lì.
Ti ho lasciato dopo la maturità, 
in cerca di un lavoro e di un'altra realtà.
Adesso a poco a poco si riaccendono i ricordi della mia giovinezza
passati con molta serenità e tanta pacatezza,
tutti i ricordi riaffiorano nella mia mente,
i giorni trascorsi con le mie amiche tutte contente.
Il mio piccolo paese, con le strade tortuose tutte in salita,
tutto rimasto così da quando son partita,
un panorama stupendo, tanto verde, aria buona, tanto fresco
salendo trovi il cipresso, l'abete e un albero di pesco.
Quel piccolo paese anonimo di pochi abitanti,
ti mancano le feste, le piccole cose, tutti gli istanti,
nella vita tutto svanisce, rimangono solo i ricordi,
su questo penso siamo tutti concordi.
Onore al mio paesello
piccolo ma bello.


TU SEI L'UNICO MIO AMORE

Tu sei l'unico mio amore,
la mia ragione di vita,
sei al centro del mio universo.
Tu sei la ragione della mia esistenza.
L'amore è vita, ti pulsa qualcosa dentro,
cresce oltre il regno del mio cuore,
è indescrivibile, fantastico,
diventa la fibra della mia anima.
Quando si ama veramente 
non ci sono ostacoli di nessun genere.


 TU SEI L'UNICO MIO AMORE

Tu sei l'unico mio amore,
la mia ragione di vita,
sei al centro del mio universo.
Quando si ama veramente
non ci sono ostacoli che tengono.
Tu sei la ragione della mia esistenza.
L'amore è vita, ti pulsa qualcosa dentro,
cresce oltre il regno del mio cuore,
è indescrivibile, fantastico,
diventa la fibra della mia anima.


 LA MIA BELLA ISOLA LA SICILIA

Bella la mia isola, la Sicilia, peccato la si debba lasciare
non per nostra volontà, ma per motivi di lavoro,
rivedo con la fantasia, dai loro racconti,
i miei nonni che con la valigia di cartone,
sono partiti per l'America in cerca di fortuna.
Oggi si va via con la valigia di pelle o di tessuto,
ma la sostanza non cambia, si deve lasciare la propria terra,
se si vuole lavorare o campare un pochino meglio.
Quante delusioni,, quante umiliazioni devi subire trasferendoti al nord,
ti chiamano mafiosa o terrona, ti dicono che gli rubi il lavoro, te ne dicono tante,
ma tu devi ingoiare il rospo e a testa alta vai avanti.
Per fortuna trovi delle brave persone che ti aiutano, la maggior parte di queste
sono originarie del Sud.
Voglio ringraziare queste persone, grazie Michela, una delle persone del Nord
che non mi ha fatto sentire diversa, grazie anche a Lia, sei davvero una persona speciale.
Grazie Carmela, Rosanna Rosina, donne del Sud costrette ad emigrare per lavoro.
Grazie a tutte le altre brave colleghe del Nord che mi hanno accolta bene.
La mia bella isola la Sicilia, voglio dire che in questa isola abitano delle persone oneste, delle persone belle dentro, delle persone che vogliono lavorare, ma purtroppo non lo trovano.
Voglio dire ai Siciliani siate orgogliosi della vostra Isola, io lo sono.
La Sicilia è un isola meravigliosa, con un mare stupendo, dei luoghi da visitare fantastici, ma sopratutto ci abitano delle persone stupende che danno il cuore e
l'anima alle persone che vengono a visitarla.
Questa è la mia isola la SICILIA.


 PER IL MIO AMICO RICCARDO

Dopo tante lotte, tanti sacrifici. tanti dolori o Riccardo
con determinazione hai raggiunto il tuo bel traguardo,
stai guidando la tua bella Ferrari rosso fiammeggiante,
sfrecci veloce per le strade del tuo paese con la tua macchina sfavillante,
l'hai fatta lavare ed è pronta tutta lucida e brillante.
Sei felice, finalmente hai realizzato il tuo sogno,
era una cosa che desideravi fin da piccolo, non era un bisogno,
tutte le ragazze ti guardano passare con invidia e passione,
tu imperterrito fai un bel giro e posteggi nel tuo rione.
goditi questi momenti, questi attimi, questi giorni, questi anni,
insieme alla tua bella mogliettina, non pensare ai tuoi malanni.
Siete due persone fantastiche tu e Maria,
siete di una infinita e grandissima cortesia.
Vi auguro un mondo di bene, di salute e di amore,
lo declama Anna Maria dal profondo del suo cuore.

martes, 1 de enero de 2013

ANNA BONARRIGO - IL CALORE E LA PAURA - POESIE




Ho scritto per anni nel mio silenzio, in fogli sparsi, nei momenti più disparati, sono scesa e risalita nei fondali dell'anima, ho volato e camminato per le vie del cuore.
Per la strada tanti di quei pezzi di carta sono andati persi, altri sono ancora in fondo al mio cassetto e ora mi trovo qui, a denudarmi l'anima per chi come me ha fame di dire e di dare.
La poesia non si ferma in queste righe,  vuol venire con te, vuol far parte dei tuoi ricordi, dei tuoi pensieri:  è attimo ed eterno, è emozione che percorre ogni centimetro della pelle.
Mi chiedo cos’è che ci fa desiderare l'indesiderabile e allo stesso tempo averne maledettamente paura. L'attrattiva diventa tormento, il piacere del calore e la paura di rimanerne arsi ...
In fondo è questa la vita, attimi da prendere al volo, tentazioni ed inerzie,  illusioni e speranze, impeti ed angosce in agguato, implose ed esplose.
E' questa la mia poesia, ammaliante seduttrice, la amo, la vivo, mi scorre dentro tra brividi di fuoco e di freddo, messale di piacere e tormento.
Vorrei fosse vostra in maniera naturale come lo è per me, come bere dalle mie labbra un sorso di buon vino, come condividere lo stesso respiro ... è questa la poesia che vi racconto.

La silloge poetica contiene alcune poesia tradotti in francese e contempla anche  brani di prosa e brevi narrative....   

Invito alla lettura del prof. critico letterario Enrico Marco Cipollini:
Ho avuto il privilegio di leggere il primo libro poetico di Anna Bonarrigo, Il viaggio dentro l’anima, ed ora la poetessa di Messina mi offre la possibilità di leggere in anteprima la sua nuova fatica, Il Calore e la Paura, ove continua il suo viaggio nei segreti  e profondi meandri dell’anima, senza infingimenti, senza falsi pudori spingendosi e toccando, con rara sensibilità, zone, regioni remote del nostro «essere» e del vivere l’amore, alla ricerca della sua intima essenza.
Tanti psicologi, analisti dell’inconscio, neurobiologi (si pensi al noto La chimica dell’amore di qualche anno fa), filosofi hanno cercato di sondare questo fenomeno che permea  da sempre l’umanità. Analisi serie indubbio, più o meno condivisibili, ma sono stati da sempre i poeti a dir-ci in verità che fosse l’amore (basterebbe pensare a Catullo,  al suo Attis, al suo “excrucior” per darci il senso di che è l’amore: piacere e dolore, tormento e gioia). Empedocle, il grande filosofo presocratico, elevò “philia” –amore – come energia, elemento fondamentale del suo sistema speculativo. La lotta tra Amore e Odio, il loro equilibrio nello Sfero, questo annullamento di forze contrapposte o stasi o quiete momentanea, un “eden” dello spirito del mondo per poi rompersi l’equilibrio per originare nuovamente il divenire delle cose. Oppure l’incantevole leggenda di Amore e Psyche che riscontriamo in Apuleio? Ripreso poi in Arte plastica, nella scultura dal nostro Canova in un fascinoso e puro, catartico, marmo bianco dove ti colpiscono gli sguardi dei due innamorati. E questa fusione estatica non la ritroviamo nel dipinto di Klimt (Il bacio)?
Sono solo degli esempi quelli sopra riportati, noti a tutti o quasi. Alcuni scienziati ci han parlato dottamente di ferormoni, di serotonina (la quale si innalza quando siamo in tale “stato di grazia”) e di altri fattori biochimici ma non ci han detto veramente che sia amore. Tali fattori biochimici li ritroviamo anche negli animali ma quale valenza hanno nell’essere umano?Perché proviamo attrazione indicibile verso l’altra, non una a caso?Perché questa “empatia” che ci procura sia “plaisir” ma anche “chagrin”? Perché sentiamo che ci manca l’oggetto d’amore? Perché avvertiamo disagio, straniamento, ek-stasis, e una miriade di emozioni le più disparate? Perché la nostra vita si tinge di ogni colore dell’iride e scaccia il grigio della routine, della noia? Ci fa fremere, bruciare e accasciare?
Il che ci fa dire con Anna, «Lascia che il silenzio sia peccato/mi lascerò cadere nelle tue braccia, berrò la tua dolcezza/mescendo la tua passione…Chiamami perdizione/ e non dirmi mai il tuo nome»? (versi presi dalla poesia che dà il nome a questa indagine impietosa tra le pieghe della sua anima,Il calore e la paura).Tenerezza, passione, erotismo , delicatezza e disperazione anche, sono i temi dominanti della passionale Nostra Poetessa siciliana.
Le lenzuola si fanno fredde,ghiaccio ,quanto accentua la sua assenza per poi diventare felice,estasiata , baruffando i capelli in un gioco tanto spontaneo e sapiente che solo eros sa donare a piene mani. “Il bacio” si fa miele l’odore dell’amato ,il suo sapore si proiettano in una dimensione immensamente grande,in un divenite immenso,come sottolinea Anna Bonarrigo, chiedendo,
Tempo al tempo
Sonno al sonno
Amore all’amore
Il quale deve tornare Lógos,Verbo “fra le mie labbra”(Fra le mie mani)
L’amore quindi come espressione dell’Essere,che non conosce barriere geografiche,confini ma ,come il Vento , penetra e va ovunque,a chi è predisposto ad accogliere questo dono:sacro nella sua duplice accezione(da allontanare ma anche da non rifiutare).Attimi ,collezioni d’istanti magici,alchemici che si susseguono per toccare il Sublime in una vita improntata all’autenticità ,una vita da vivere dove l’estasi dei sensi,l’intrecciarsi dei corpi,l’incontro vellutato della pelle non sono che il tramite per toccare l’anima,l’essenza vitale di noi stessi,lo“pneuma”,
rappresentato dalla farfalla,dal suo battere d’ali:riconoscersi e riconoscerci in una fusione ineffabile,indicibile. Siamo noi,veri ,schietti perché siamo allineati nello spirito altrui,conciliati con il mondo,con l’universo:il nostro si congiunge con l’armonia del Tutto,con un che vuole la maiuscola. Non poteva,Anna,in questo estremo viaggio impietoso quanto sincero omettere un pianto disperato,«potessi io /raggiungerti ed intrecciare le mie dita alle tue,sommare le ore che ho perso(….) inchiodando uno per uno ogni secondo/all’eterno che a noi fu negato»(versi tratti da “Potessi io”)
Nei versi sofferti ,calibrati ma schietti e impietosi,si coglie l’anima di Anna,i suoi nobili sentimenti,il non racchiudersi in gusci da gasteropodi,di rifiutarsi di vedere “solo il suo giardino”ma proiettarsi in una dimensione molto più ampia dove le note d’amore e sofferenza sono di sottofondo al sublime incontro di spiriti per toccare il firmamento nell’intesa azzurrità.
“Chi sei?forse ti chiami destino?” dice per poi una luce ,il Fiat lux,squarcia le tenebre ed inebria ,illuminando coloro che si amano,proiettati in un estenuante bacio prolungato verso dimensione sovrannaturali… Con tale “imago” che ho sentito ,assaporando le liriche di Anna e le sue riflessioni in prosa, voglio chiudere,ricordando al lettore che molte poesie riportano anche traduzione francese,una lingua appropriata per tale suo dettato,soave quanto erotico,non dimenticando che già nei Misteri,gli antichi Greci,nell’estasi dei sensi(dall’uscire da sé,ek-stasis) cercavano la sapienza,la divinità-Gli enigmi si ripresentano a noi con sconcertante attualità. Ad Majora ,Anna,lo meriti  toto corde. Hai  centrato giusto,”l’amore non è quiete”ma sveglia gli assopiti,li fa risorgere in una nuova dimensione.   di Enrico Marco Cipollini.


EMAIL DI ANNA BONARRIGO: anna.bonarrigo@live.it

WEB: http://www.inmondadori.it/Il-calore-e-la-paura-Anna-Bonarrigo/eai978889780145/

http://www.lettereanimate.com/eshop/index.php?route=product%2Fproduct&product_id=94#.ULTK7RCJ5ws.facebook

http://www.comunemio.it/index.php?id=12871