Follow by Email

miércoles, 15 de junio de 2011

Escrito de María Rosario Longobardi - Nápoles - Italia



LA GIORNATA DELLA MEMORIA   
Nessuna certezza,
tutela mancata,
dolore infinito:
lavoro forzato,
tortura
e poi morte.
Fu questa la sorte
per tanti diversi
nei lager e nei ghetti
di tutto privati,
percossi,
insultati,
alla fine annientati.
Per quei poveri corpi
così martoriati
un brivido corre lungo la schiena,
e ogni vena
lamenta un acuto dolore,
c’è pena nel cuore
per l'oltraggio compiuto!
Mai più umanità così persa...
fu per nulla una farsa
e vivo è il ricordo di quella scomparsa,
che fu atroce sterminio
o omicidio di massa.
Maria Rosaria Longobardi

L’ ABBAGLIO DEL CONIGLIO    
 
Il coniglio  Biancolino,
con sua grande meraviglia,
vide un dì nella boscaglia
un cespuglio pien di foglie
che era nato all’improvviso
e sembrava messo apposta
proprio lì in bella vista..
Preso allora dalla voglia
di mangiare qualche foglia
con un balzo fu sul posto
del cespuglio grosso grosso.
Lesto lesto il coniglietto
addentò in un solo istante
la sua foglia più invitante,
ma, ahimè, di manovre
dovette farne tante,
per cercare di staccarla
dal cespuglio:
piglia, piglia, cogli, cogli,
tira e molla
non riuscì proprio
a sganciare quella foglia.
 
Tentò poi con altre foglie,
coi trifogli e quadrifogli,
e successe un parapiglia,
s’impigliò dentro il cespuglio
e fu allora che si accorse
dell’imbroglio, dello sbaglio,
dell’abbaglio in cui era corso:
quel cespuglio tutto foglie
era fatto sol di paglia.
 
Il coniglio Biancolino
quando uscì da quel garbuglio,
con la paglia sulla testa,
sulle ciglia e sopracciglia,
somigliava, manco a dirlo,
più a un pagliaccio,
che a un coniglio.
Maria Rosaria Longobardi
("Favole in fiore... fior di favole" - Ed. La Mongolfiera)


O mundo da fantasia (portoghese)

Há um mundo diverso,
que é colocado de través,
um mundo secundário,
habitado por um povo vário,
que está fora do ordinário.
Tu podes chegar até lá com o pensamento,
mas não podes realmente estar lá
e nenhum ficou até agora,
porque se trata de um mundo inventado.
É o mundo da fantasia,
que te faz voar para longe,
imaginando ou lendo
nos livros de fábulas,
de bruxas, de fadas,
de feiticeiros e de dragões,
de orcs famintos,
castelos assombrados,
fontes, cachoeiras,
florestas encantadas
com carvalhos, castanheiros e faias
e tantos outros personagens,
que superando obstáculos e empedimentos
no final são sempre felizes e contentes.

Maria Rosaria Longobardi

(Fábulas em flor...flor de fábulas” – Ed. La Mongofiera)
Traduzione di Neide Lima

No hay comentarios:

Publicar un comentario